Juventus, Milik si presenta da nuovo attaccante bianconero

La Juventus, dopo aver cercato a lungo il vice Vlahovic, ha acquistato la scorsa settimana l’attaccante ex Marsiglia, Arkadiusz Milik. 

La società bianconera e il club francese hanno trovato l’accordo sulla base di un prestito oneroso (2 milioni complessivi tra parte fissa e bonus) con opzione di riscatto fissato intorno agli 8 milioni di euro. Il calciatore polacco ha firmato un contratto fino al giugno 2026 con un ingaggio di poco superiore ai 3 milioni di euro.

Arka Milik non vuole essere il vice Vlahovic
Arka Milik

Milik sarà il vice Vlahovic ma non bisogna accantonare l’opzione, per Massimiliano Allegri, di puntare su due attaccanti di peso. Infatti, il calciatore ex Marsiglia ha già giocato, in tandem con Robert Lewandowski, in un attacco a due punte e sarebbe molto felice di riprovarlo con la Juventus.

L’attaccante polacco si presenta ai tifosi della Juventus

Dopo la conferenza stampa di presentazione, il nuovo attaccante della Juventus Arek Milik ha parlato ai microfoni di Dazn.

PRESENTAZIONE – “Il passato non conta più. Sono in una grande squadra, un grande club. Devo dimostrare che sono un giocatore forte, che so fare gol e giocare a calcio. Per farlo per me è importante giocare”.

CARRIERA – “Qualche infortunio mi ha fermato durante la carriera, mi ha rallentato. Ora ho 28 anni, tante motivazioni e voglio dimostrare quanto valgo. Ho tanta fame. Sono arrivato a questo punto dove il mio obiettivo era giocare in un grande club, ora sono arrivato e quindi mi pongo nuovi obiettivi per giocare, migliorare ed essere ancora più forte. Sono motivato, vediamo come andrà”.

Milik vuole giocare insieme a Vlahovic
Milik

RILASSATO – “Il mio obiettivo era arrivare qui, quando sono arrivato ho sentito di voler fare ancora meglio. Qui so che posso crescere, con la squadra, l’allenatore, i ragazzi e chi si occupa di te. Devi solo pensare a calcio, se dai il massimo anche in allenamento puoi solo crescere”.

VLAHOVIC – Siamo simili ma diversi secondo me. Alla fine non importa, devi giocare bene con la squadra, dipende dal tuo stile di gioco. A lui non servono consigli, è un giocatore forte, secondo me ha una carriera davanti. Io sono qui per giocare non per fare il suo vice, c’è anche Moise, siamo in tre e stiamo lavorando tutti per giocare”.

IDEA DI ALLEGRI – “Non so cosa abbiate in mente. Abbiamo parlato ma non so dire. Il mio primo gol? Speriamo in casa con lo Spezia, spero il prima possibile, per gli attaccanti è importante. Non importa come”.

PUNIZIONI – Abbiamo calciato insieme le punizioni io e Dusan. Lui calcia davvero bene, ha fatto anche gol importanti in Serie A. Contro la Roma un gol bellissimo. Posso calciare anche io ma vedremo come andranno le cose e spero di fare un gol su punizione”.

Impostazioni privacy