Juventus Psg, Allegri conferma alcuni giovani

Nonostante sia già stata eliminata dalla Champions League, la Juventus domani alle 21 contro il Psg, si gioca il pass per l’Europa League. 

I bianconeri, infatti, hanno gli stessi punti degli israeliani del Maccabi Haifa e la squadra di Massimiliano Allegri vuole dare seguito alle prestazioni ed ai risultati ottenuti in campionato: tre vittorie consecutive contro Torino (1-0), Empoli (4-0) e Lecce (1-0).

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri (Ansa)

Nove punti e porta inviolata che fanno ben sperare in vista del big match di domenica alle 20.45 all’Allianz Stadium contro l’Inter. Ora, però, è tempo di pensare ai francesi di Galtier.

Le parole di Massimiliano Allegri

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Paris Saint Germain.

INFORTUNATI: “A parte Locatelli non recuperiamo nessuno. Giocatori per una gara così importante ci sono. Giocheranno dei ragazzi che hanno giocato a Lecce, qualche giovanotto, sarà un buon test anche per loro. Domani è importante. Oggi è una conferenza strana, è la prima dopo tanti anni dove giochiamo senza che sia decisiva per la Champions. Ora in Europa League cerchiamo di andarci, è sempre Europa, dobbiamo fare una gara giusta, affrontiamo una delle più forti d’Europa“.

LA GARA: “Dovremo giocare una gara intelligente, tecnicamente valida. A Parigi abbiamo regalato due gol, su due situazioni evitabili. Servirà fiducia come a Lecce, in vista di quel che faremo domani sera”.

EUROPA LEAGUE: “Tutto è un’opportunità. Vediamo il risultato, se saremo stati bravi ad andarci ma non ci voglio neanche pensare. Dobbiamo pensare alla gara di domani e a fare il meglio”.

CENTROCAMPO: “McKennie ha un edema che non si capisce se sia dato da un colpo o da uno stiramento. Ho Locatelli, Rabiot, Fagioli e Miretti a centrocampo. Locatelli sta bene”.

 

Fabio Miretti
Fabio Miretti (Ansa)

POGBA: “Ci ho parlato prima. È inutile stare a ripetere quello che è già stato detto: una volta che è stata presa la decisione di non essersi operato a inizio stagione, era normale che le speranze che potesse tornare con Juventus e Francia erano ridotte al lumicino. È dispiaciuto per Juventus e Mondiale, è normale, noi siamo stati penalizzati per non averlo avuto a disposizione”.

ELIMINAZIONE DALLA CHAMPIONS: “Brucia tantissimo, sono ancora molto arrabbiato e dispiaciuto. Il fatto di non potersi confrontare da marzo in poi con i migliori d’Europa ci deve fare male dentro, creare rabbia e stimolo per quello che è il prosieguo della stagione. Bisogna avere una reazione, che i ragazzi hanno avuto a Lecce, ma al campionato penseremo dopodomani con le ultime tre partite con Inter, Verona e Lazio che sono molto difficili. Le prestazioni fatte in Champions come risultati sono bruttissime e di conseguenza ti fa vedere anche i risultati fatti in campionato in modo più negativo di quanto sono. Ma al campionato penseremo dopodomani”.

Impostazioni privacy