Infortunio Vlahovic, ecco i tempi di recupero

Dopo la sconfitta contro il Benfica per 4-3, la Juventus si sta preparando alla sfida di sabato alle ore 18 al Via Del Mare contro il Lecce.

Per il match contro i salentini, Massimiliano Allegri non avrà a disposizione sicuramente Bremer, Di Maria, Pogba, De Sciglio, Chiesa e Paredes.

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic (Ansa Foto)

Il tecnico livornese, inoltre, è in apprensione per le condizioni di Dusan Vlahovic. Infatti, l’attaccante serbo è uscito anzitempo nel match contro il Benfica e può considerarsi in dubbio per la sfida di sabato.

Le condizioni di Dusan Vlahovic

La sconfitta della Juventus in casa del Benfica, ha sancito l’eliminazione dalla Champions League, ma ha lasciato anche in eredità un problema molto importante per i bianconeri. Infatti, la società bianconera dovrà monitorare con attenzione la situazione di Vlahovic, uscito nel secondo tempo della gara.

L’attaccante serbo ha chiesto il cambio ad Allegri a causa di un fastidio muscolare all’adduttore. Il giocatore, appena si è sentito tirare, ha preferito evitare di prendersi rischi ed è stato sostituito da Soulé. La speranza, dunque, è che si sia fermato in tempo per evitare lesioni o comunque problemi più seri.

Ad ogni modo, Vlahovic oggi si sottoporrà ad esami strumentali per valutare l’entità dell’infortunio. L’ex calciatore della Fiorentina ha applicato il ghiaccio sulla coscia appena si è accomodato in panchina e, dopo la sostituzione, si è confrontato con lo staff medico bianconero.

Molto presto scopriremo se non sarà nulla di grave o se sarà costretto ad uno stop. In questo momento è da considerare in dubbio per Lecce-Juventus di sabato pomeriggio, aspettando comunicazioni ufficiali da parte del club. In caso di forfait, il tandem offensivo nel 3-5-2 di Massimiliano Allegri sarà composta da Milik e Kean, con quest’ultimo a segno anche in terra lusitana dopo il +3 rifilato all’Empoli nella scorsa partita di campionato.

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic (Ansa)

Nato a Belgrado il 28 gennaio 2000, è cresciuto nei settori giovanili dell’OFK Belgrado e del Partizan. Con quest’ultima squadra ha esordito tra i professionisti vincendo una Superliga (2016-2017), e due coppe di Serbia consecutive (2015-2016, 2016-2017). Nel 2018 approda alla Fiorentina, dove gioca per il successivo quadriennio. Il calciatore serbo viene premiato come miglior giovane della Serie A, nella stagione 2020-2021. Dal 2022 milita nella Juventus, con cui raggiunge una finale di Coppa Italia (2021-2022), laureandosi anche capocannoniere della stessa.

L’11 ottobre 2020 debutta in nazionale all’età di 20 anni, nella partita persa per 0-1 contro l’Ungheria, valida per la Nations League. Il successivo 18 novembre, alla prima da titolare, realizza il suo primo gol in nazionale, nella gara interna vinta 5-0 contro la Russia.

Impostazioni privacy