Juventus, serve una prova di forza per la squadra di Massimiliano Allegri

La Juventus questa sera affronterà il Benfica di Roger Schmidt all’Allianz Stadium, nella seconda giornata della fase a gruppi di Champions League. 

Il match contro i lusitani è di fondamentale importanza per la squadra di Massimiliano Allegri, dopo la sconfitta per 2-1 contro il Psg al Parco dei Principi. Infatti, i bianconeri devono quasi obbligatoriamente conquistare i 3 punti per cercare di passare il turno della prima competizione europea.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri (Ansa)

Questa sera, al netto delle moltissime assenze, la Juventus dovrà dimostrare ai tifosi ed a tutto l’ambiente, una schiacciante prova di forza, ancora mai avvenuta in questa prima parte di stagione.

La Juventus ha bisogno di una prova di maturità

Massimiliano Allegri, in questo momento di difficoltà, si affiderà ai suoi calciatori di fiducia ed ad uno dei suoi moduli tattici preferiti. Infatti, la squadra bianconera dovrebbe scendere in campo contro il Benfica con il 3-5-2 e il tecnico livornese, per vincere questo match, avrà bisogno dell’aiuto di tutti i suoi leader dello spogliatoio.

Bonucci, Cuadrado, Danilo e Vlahovic saranno tutti in campo questa sera e, durante la partita, sarà fondamentale il loro apporto insieme a quello di Massimiliano Allegri. L’unico dubbio per l’allenatore toscano rimane la presenza di Angel Di Maria. Infatti, il calciatore argentino dovrebbe partire dalla panchina, ma non si escludono colpi di scena dell’ultimo momento, in positivo o in negativo.

La presenza del Fideo sarà fondamentale nelle scelte di Max. Il giocatore ex Psg, infatti, è capace di risolvere le partite da solo e, grazie ai 5 cambi, potrebbe essere un’arma decisiva a partita in corso.

Angel Di Maria
Angel Di Maria (Ansa)

Nato a Rosario il 14 febbraio 1988, Di Maria è cresciuto nelle giovanili del Rosario Central ed esordisce con la prima squadra nel 2005. Dopo ottime prestazioni nel campionato argentino e nel mondiale U20, viene acquistato per 6 milioni di euro dal Benfica. Con il club portoghese totalizza 124 presenze e 15 gol.

Nel 2010 passa al Real Madrid per 25 milioni di euro più 11 di bonus. Con la maglia dei Blancos colleziona 190 presenze e 36 gol. Nel 2014 si trasferisce al Manchester United per la cifra record di 78,5 milioni di euro. Dopo aver giocato 32 partite e siglato 4 gol con la maglia dei Red Devils, nell’anno successivo passa al Paris Saint Germain per 63 milioni di euro. Con i parigini totalizza 295 presenze e 92 gol.

Il palmares del calciatore argentino è davvero ricco e vanta 1 Campionato portoghese, 2 Coppe di lega portoghese, 1 Campionato spagnolo, 1 Supercoppa di Spagna, 2 Coppe di Spagna, 5 Campionati francesi, 4 Coppa di lega francese, 5 Coppe di Francia, 5 Supercoppe francesi 1 Champions League ed 1 Supercoppa europea.

Impostazioni privacy