Juventus Benfica, Allegri: “Di Maria in, Locatelli, Rabiot e A.Sandro out”

Alla vigilia di Juventus Benfica Max Allegri in conferenza stampa fa la conta degli infortunati e di chi ha a disposizione per una sfida di Champions League che si rivela già decisiva per il futuro.

Il tecnico bianconero è lucido dopo la grande delusione per il gol annullato ad Arek Milik in campionato contro la Salernitana. Cosa accadrà domani?

Max Allegri
Max Allegri (Ansa)

Ecco le parole del mister: Abbiamo recuperato Angel Di Maria, ma non so ancora se partirà titolare. Szczesny si sta allenando e lo valuterò alla fine della conferenza. Sul calcio di rigore di domenica Alex Sandro ha avuto un problema all’adduttore e vedremo se lo recupereremo per il Monza. Rimarranno fuori Rabiot e Locatelli domani”.

Sono informazioni importanti contro una squadra che non va sottovalutata: “Vengono da undici risultati positivi. La squadra ha una grande tradizione. La gara di domani non è decisiva ma molto importante. Per vincere servirà una prestazione da squadra con compattezza e dovremo stare dentro la partita senza cadere in amnesie perché poi in Europa paghi tutto caro”.

Conferenza pre Juventus Benfica di Max Allegri

Max Allegri continua alla vigilia di Juventus Benfica parlando anche del momento di Arek Milik: “Titolare domani? Dovrò valutare perché ho anche dei dubbi a centrocampo”. Parole spesso ripetute, ma conoscendo la meticolosità del grande Max sappiamo che in realtà in mente è tutto chiaro anche se preoccupa più la concentrazione che gli uomini di questa squadra.

Max Allegri
Max Allegri (Ansa)

“Serve equilibrio. A volte non riesci a segnare ma non devi subire gol. Non è mica una vergogna finire 0-0 il primo tempo di una partita. Domenica abbiamo preso gol a tempo scaduto della prima frazione di gioco. la squadra non deve entrare in stato d’ansia, magari è un momento dove l’avversario poi può prendere il sopravvento. Le gare sono lunghe se non riesci a farlo non devi prenderlo”.

E poi in difesa: “Esterni? Ho Cuadrado e De Sciglio oltre a Danilo che è qui accanto a me e che come sapete può fare il centrale e giocare a centrocampo”. Si passa a Vlahovic: “L’ho visto migliorato negli aspetti in cui deve migliorare. Sono molto contento di quello che sta facendo. Dei giovatori giovani con meno esperienza internazionale è tra i migliori insieme ad Haaland e Mbappè”. Sarà importante non sbagliare col Benfica perché se è vero che il campionato è lungo domani al novantesimo saremo a un terzo del girone di Champions.

Impostazioni privacy