Vlahovic rischia di scomparire, la paura dei tifosi della Juventus

Dusan Vlahovic è un patrimonio della Juventus, questo appare chiaro, ma c’è qualche tifosi che sembra avanzare una paura da analizzare con cautela e grande attenzione visto la caratura del giocatore.

Centravanti totale, moderno e fisicamente fortissimo è un ragazzo del 2000 che si appresta a diventare uno dei calciatori più forti al mondo. C’è però una paura.

Dusan Vlahovic
Dusan Vlahovic (Ansa)

Vlahovic arriva alla Juventus nel calciomercato di riparazione della scorsa stagione per una cifra importantissima. La Juve ci si getta consapevole che in estate sarebbero potute essere diverse le big europee pronte a soffiarglielo e che nessuno avrebbe investito a gennaio quella cifra.

Il calciatore serbo sorprende perché arriva a Torino senza sentire il peso della maglia e inizia subito a segnare a raffica. Gol al debutto in campionato, rete dopo due minuti al primo pallone toccato negli ottavi di finale di Champions League. Tutto sembra perfetto.

E perfetta è anche la partenza della stagione successiva, cioè questa, con tre gol di cui due su splendide pennellate, punizioni da grandissimo campione. Ora però si apre un vortice nel cuore dei tifosi che sono preoccupati per la gestione del calciatore da parte di Massimiliano Allegri. Avranno ragione? Sarà interessante scoprirlo giorno dopo giorno, partita dopo partita.

La paura dei tifosi su Dusan Vlahovic

C’è grande paura dei tifosi su Dusan Vlahovic, la Juventus punta forte su di lui e sta lavorando per portarlo alla maggiore forma possibile. C’è però qualcuno che dubita della sua condizione, del suo futuro e delle sue partite. Alcuni sono convinti che presto chiederà di andare via per giocare in un altro top club europeo.

In effetti con l’arrivo di Arkadiusz Milik qualcosa è cambiato. Il polacco ha messo Vlahovic in panchina a Firenze e quando hanno giocato insieme, come col Paris Saint German, un po’ lo ha oscurato. Nessuno dice che sia più forte di lui, anzi tutto il contrario, ma nonostante questo in molti sono convinti che gli rubi spazio al centro dell’area di rigore.

Arek Milik
Arek Milik (Ansa)

È un ragionamento però che andrà lasciato a Max Allegri e che sicuramente fa riflettere ma non deve essere preso come una certezza anche perché i due insieme hanno giocato neanche novanta minuti tra Fiorentina e Paris Saint German. La Juventus tiene molto alla crescita di Milik, calciatore importantissimo, ma è consapevole anche che ha sei anni in più di Dusan e che Dusan è il futuro.

Impostazioni privacy