Serie A, ecco perché Allegri e la Juventus possono stare tranquilli

La quinta giornata di Serie A si va a chiudere oggi con risultati che fanno riflettere e i sentimenti negativi espressi verso la Juventus che andrebbero decisamente ridimensionati per vari motivi.

I bianconeri sono imbattuti come Napoli, Atalanta e Milan ma tre pareggi in cinque gare hanno già alzato un polverone con le polemiche attorno a Max Allegri che sembrano non calmarsi.

Arkadiusz Milik
Arkadiusz Milik (Ansa)

Sapevamo sarebbe stato un campionato diverso dagli altri e infatti lo è stato finora con cinque partite disputate al 4 settembre laddove di solito massimo se ne erano giocate due. Il Mondiale invernale in Qatar ha sconvolto i calendari e sicuramente ci renderemo conto più in là che la classifica finale sarà diversa da quella degli altri anni.

I bianconeri hanno alternato cose buone ad altre decisamente bene. La difesa ha retto con appena due reti subite in cinque gare, migliore della Serie A insieme a quella dell’Atalanta che però deve giocare oggi. Il centrocampo non ha fatto vedere enormi progressi ma ha dato risposte con Fabio Miretti su tutti e gli arrivi di Leandro Paredes e Paul Pogba ancora da valutare visto che solo il primo ha giocato un’ora scarsa.

Davanti però nonostante Dusan Vlahovic e Arkadiusz Milik si è fatto ancora poco, le reti dovrebbero arrivare con maggiore continuità per poter regalare ai bianconeri una crescita esponenziale di assoluto livello.

Serie A, Allegri e la Juventus stiano tranquilli

La Juventus e Massimiliano Allegri devono stare molto tranquilli nonostante i tre pareggi nelle prime cinque partite. Questo perché è già evidente ora che il campionato sarà pazzo dall’inizio alla fine visto che si giocherà ogni tre giorni e a novembre e dicembre le squadre non scenderanno in campo.

Udinese Roma
Udinese Roma (Ansa)

Anche le altre squadre sono state altalenanti come l‘Inter che ha perso due partite e subito otto reti finora o la Roma che sembrava proiettata verso la testa della classifica e ieri ha preso un sonoro 4-0 alla Dacia Arena contro l’Udinese. Anche il Milan e il Napoli, le più convincenti, sono state protagoniste anche di gare non troppo positive. 

I ragazzi di Stefano Pioli hanno pareggiato col Sassuolo giocando davvero una brutta partita, ma hanno incantato nel derby. Gli azzurri travolgenti per esempio con la Lazio sono stati fermati in casa dal Lecce. Prepariamoci dunque a un anno in cui arriveranno anche risultati impensabili e non accadrà solo per la Juventus. Intanto recuperiamo gli infortunati e speriamo di avere maggiore qualità.

Impostazioni privacy