Juventus e Barcellona, stesso grande problema per i due club

Juventus e Barcellona si trovano di fronte a uno stesso grande problema che devono risolvere in fretta anche perché la sessione di calciomercato chiude tra davvero pochi giorni. Cosa sta accadendo?

Ormai sono diverse squadre che soffrono la questione che andremo ad analizzare, dovendoci soffermare su diverse soluzioni per evitare che la situazione improvvisamente possa degenerare.

Tutti sappiamo cosa ha fatto la Juventus in estate. Sono arrivati subito due campioni a parametro zero, Angel Di Maria e Paul Pogba. Dopo la cessione di Matthijs De Ligt è arrivato dal Torino per una cifra importante Gleison Bremer. Sull’esterno d’attacco sinistro è arrivato Filip Kostic. Ora è il momento di andare ad affondare per una punta, probabile Arkadiusz Milik, e un regista, Leandro Paredes.

Il Barca si è reso protagonista di un colpo straordinario, portando al Nou Camp uno degli attaccanti più forti del mondo Robert Lewandowski che dal Bayern Monaco aveva voglia di cambiare aria per iniziare una nuova avventura. A parametro zero sono arrivati Franck Kessie e Andreas Christensen. Invece dal Leeds è stato acquistato Raphinha e dal Siviglia Koundè.

Entrambe le squadre però condividono un problema che ha reso tutto più complicato e ha frenato le ambizioni delle due compagini in fatto di entrate.

Juventus e Barcellona stesso problema

La Juventus e il Barcellona vivono lo stesso problema in questo momento in una stagione che non sta regalando solo soddisfazioni ma anche tante preoccupazioni legate al calciomercato sia in entrata che in uscita. Una situazione legata anche a qualche errore del passato recente che ora condiziona il futuro delle squadre.

L’obiettivo è sempre quello vendere per abbassare il monte ingaggi, fare plusvalenza e fare spazio all’arrivo di nuovi calciatori. Ma le due squadre sono ostaggi dei loro calciatori. Si è inevitabilmente rivoltato contro di loro quello che sembrava un grande affare, lo scambio tra Miralem Pjanic e Arthur che aveva generato una grande plusvalenza. I due calciatori hanno un ingaggio alto e nessuno li vuole acquistare.

C’è poi da valutare la situazione legata ad Adrien Rabiot che era stato ceduto al Manchester United ma ha rifiutato l’ingaggio, così come Memphis Depay che da Barcellona doveva arrivare alla Juventus ma non vuole accettare l’offerta pretendendo un ingaggio da ben otto milioni di euro. Vedremo se queste situazioni si sbloccheranno e cosa succederà nelle prossime ore decisive per la chiusura del calciomercato e dunque per il futuro di questa stagione.

Impostazioni privacy